La devozione dei naviganti

La devozione dei naviganti

La sacralità delle acque caratterizza da sempre il Mare Mediterraneo, dalle cosmogonie egizie ai più umili ex-voto. Questo è il tema principale del volume  La devozione dei Naviganti. Il Culto di Afrodite Ericina nel Mediterraneo,  Lugano 2010, pp. 248, con numerose illustrazioni, € 25,00.

Il culto di Astarte/Afrodite/Venere ericina, riferimento costante che accompagna l’uomo mediterraneo dalla preistoria all’età moderna, trova un’attenzione particolare in Sicilia, da sempre protagonista anche delle valenze politiche che investono la durata, la mutazione e localizzazione di culti e tradizioni popolari.

Il volume, curato da Enrico Acquaro, Antonino Filippi e Stefano Medas, pubblicato in collaborazione con il Comune di Erice, fa parte della collana Biblioteca di Byrsa, edita con il patrocinio del Dipartimento di Storie e metodi per la conservazione dei Beni Culturali dell’Università di Bologna, sede di Ravenna.

Il Grand Tour inedito di Patrick Brydone

Pietro Fabris, Veduta del cratere del Vesuvio, della montagnola e del conetto durante l’eruzione del 1756

Nel campo della letteratura di viaggio, lo scozzese Patrick Brydone deve la sua fama, che fu vasta e duratura, al Viaggio in Sicilia e a Malta – 1770, un’opera che per decenni costituì il baedeker per tutti coloro i quali, dopo di lui, andarono a visitare la Sicilia.

La scoperta di un suo inedito diario di viaggio relativo al Grand Tour compiuto negli anni 1769-1771, dall’Inghilterra all’Italia – attraverso la Francia – sino in Svizzera, e la relativa pubblicazione nel volume dal titolo Il Grand Tour di Patrick Brydone, Lugano 2011, pp.  202 con sedici tavole fuori testo, € 25,00, ha consentito di far conoscere meglio al pubblico, grazie alla vivace traduzione in lingua italiana di Rosario Portale, docente di Lingua e letteratura inglese presso l’Università di Catania, questo tipico viaggiatore-scrittore dell’Età dei Lumi e di apprezzarne ancora una volta le straordinarie doti di narratore genuino e versatile e l’impareggiabile maestria descrittiva.

Continua a leggere

Da Tell Afis a Mozia. Culture a confronto tra Oriente e Occidente

Un momento del Convegno di Ravenna

La civiltà fenicia con la sua proiezione coloniale e con la fondazione di Cartagine costituisce l’ultimo esito occidentale di quella cultura vicino-orientale che, nata in Siria alla fine dell’Età del Bronzo, trasmette le sue conquiste culturali e tecnologiche in Occidente, dove interagisce con i Greci e con le diverse realtà indigene del Mediterraneo.

A questo tema è dedicato il volume Da Tell Afis a Mozia, Agorà & Co., Lugano 2011, pp. 124 con numerose illustrazioni, € 25,00  che nasce come frutto delle relazioni presentate durante un Convegno di Studio tenutosi a Ravenna nel marzo del 2010, sotto il patrocinio dell’Accademia Nazionale dei Lincei. Continua a leggere