La mossa impazzita

Un nuovo caso per il vicequestore Elena Giusti e i suoi “ragazzi di via Irnerio”. Mentre occorre fare i conti con la cruda realtà che vede la mafia mettere le mani, come una piovra, sull’Emilia Romagna – un vero e proprio sistema che si è irradiato come metastasi che avvolgono il territorio –, scoppia il caso di un omicidio che vede la Giusti, ancora una volta, in prima linea per sbrogliare una matassa di quesiti resi ancora più fitti quando si scopre che l’omicidio è collegato con altri. Che rapporto c’è tra la data del 3 settembre e i toponimi delle strade che portano lo stesso cognome delle vittime? E perché sulla scena della narrazione troviamo un presunto colpevole e altri personaggi che fanno di tutto per sembrare i veri responsabili? Insomma, la Giusti e i suoi ragazzi si ritrovano a indagare su una brutta storia che ha come sfondo la città di Bologna e tutto inizia da… una partita di scacchi.

Un raffinatissimo giallo scritto da Daniele Millimaggi che inaugura la collana LO SCAFFALE DEL GIALLO.

(link per l’acquisto del volume)

Daniele Millimaggi è nato a Messina nel 1955. è stato Quadro Direttivo di un’importante Banca italiana e ha svolto gran parte del suo Servizio tra Taormina e Messina.

Le sue prime esperienze in politica si maturano negli anni di piombo del terrorismo rosso e nero; gli anni dei servizi segreti deviati e della massoneria di Gelli. Ricordando quei fatti, ha pubblicato nel 2015 il suo primo romanzo grazie al quale ha vinto, nel 2016, il Premio nazionale “Il Mistero del Moai” per la narrativa e nel 2018 il 1° premio per il libro edito, al VI Concorso Letterario Internazionale Città di Sarzana. Sempre per questo volume ha conseguito la Menzione speciale al II concorso letterario “La Quercia del Myr”.

Nel 2017 ha pubblicato un libro di poesie sue e del padre Libero, con il titolo Io e mio padre diario di una vita e mezza.

è stato inserito in una Antologia di poeti contemporanei letti dal critico letterario, regista e attore Alessandro Quasimodo.

Raccoglie, da alcuni anni, testimonianze e documentazione per la scrittura di un romanzo storico che racconta gli anni del confino politico, a cui era stato obbligato dal Fascismo suo nonno Vanni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...