La memoria di Cartagine nella pittura italiana tra Seicento e Settecento e nelle incisioni della “Istoria Romana” di Bartolomeo Pinelli

copertinamemoria2.indd

Nel volume di Enrico Acquaro, La memoria di Cartagine nella pittura italiana tra Seicento e Settecento e nelle incisioni della “Istoria Romana” di Bartolomeo Pinelli, pp. 68 + 12 tavole a colori fuori testo, 2015 (acquista il volume), protagonisti quasi esclusivi sono Elissa/Didone, la regina fondatrice della Cartagine d’Africa, e gli esiti del suo incontro con Enea; Annibale Barca ed i suoi elefanti; Sofonisba sposa di Siface amata da Massinissa; le punica di Bartolomeo Pinelli.

I temi sono gli stessi che le fonti classiche hanno tramandato alla letteratura e alle belle arti con il filtro dell’Umanesimo sino ai nostri giorni, mentre l’ispirazione degli artisti e le loro realizzazioni si confrontano con una realtà storica che sarà compiutamente storicizzata solo dalla seconda metà del ’900.

Annunci

BYRSA. Rivista di Arte, cultura e archeologia del Mediterraneo punico, 2011

Pannello in avorio dal vano SW7 del Fort Shalmaneser di Nimrud (da Mallowan - Herrmann 1974).

Pannello in avorio dal vano SW7 del Fort Shalmaneser di Nimrud (da Mallowan – Herrmann 1974).

BYRSA. Rivista di arte, cultura e archeologia del Mediterraneo punico, 19-20/2011, Riti sacrificali, simbologia funeraria ed emblemi politici da Cartagine a Lixus, € 25,00.  (Per acquisti e abbonamenti rivolgersi a LICOSA S.r.l., mail: laura.mori@licosa.com).

SOMMARIO

Enrico Acquaro, Editoriale

  1.   Enrico Acquaro, Cretule e sigilli di Cartagine punica
  2.  Enrico Acquaro, Mediterranean Carthages: rereading Justin
  3.  Carla Del Vais, Cippi e altarini funerari dalla necropoli meridionale di Tharros. Nuovi dati
  4.  Anna Chiara Fariselli, Il “trionfo sulla morte” e il mestiere delle armi nella simbologia delle stele votive cartaginesi
  5.  Alfredo Mederos Martín, Sacrificios de niños y sustitutorios de ovicapridos al dios Sol šmš en el litoral atlántico norteafricano
  6.  Raimondo Secci, Da Nimrud a Cartagine. Rilettura iconografica di un rasoio punico al Museo del Bardo

Cartagine: i fondamenti di un progetto mediterraneo

Il suicidio di Didone

Le vicende legate alla fondazione di Cartagine, grazie allo straordinario racconto virgiliano dell’Eneide, hanno sempre posto in rilievo l’aspetto del tragico odio tra Romani e Cartaginesi, alimentato dalla propaganda letteraria e politica romana, come a giustificare l’ineluttabilità della cruenta distruzione di Cartagine.

Enrico Acquaro, invece, con il volume dal titolo Cartagine: i fondamenti di un progetto mediterraneo, pp. 42, Lugano 2006, (link per acquistare il volume) amplia la visuale della ricerca ponendo l’attenzione sul significato che la fondazione di Cartagine assume nell’ambito della concezione politica del Mediterraneo antico.