Criminali, assassine, adultere, degenerate… folli? Rappresentazioni del femminile nel sensation novel

Homer Winslow, The New Novel, 1877. Museum of Fine Arts, Springfield Mass.

Genere fluido e liminale per eccellenza, il sensation novel condivide stilemi narrativi, tecniche di costruzione della diegesi e dei personaggi e altro ancora con la high literature vittoriana, mentre al contempo si riallaccia più specificamente a forme di letteratura popolare e di massa che fin dal loro insorgere dividono nel giudizio pubblico e critica per la loro capacità di suscitare emozioni e sentimenti ‘immediati’ nei lettori più culturalmente naïve.

Non a caso definito anche electric novel per la sua attitudine a condensare con compiuta ed efficace immediatezza il senso di continuo e rapido cambiamento, di violente emozioni e di eccitazione che secondo la critica coeva caratterizza l’esperienza stessa della modernità, questo genere narrativo percorre negli anni ’60-’70 dell’800 una spettacolare parabola segnata da uno straordinario successo di pubblico e dai feroci attacchi della critica ufficiale per la sua ‘scandalosa’ messa in discussione dei modelli sociali e di genere dominanti. Continua a leggere